Crea sito

Cerca

image2 image3 image1

Il Business

 

Sono ormai tre anni che gli sviluppatori di App per iPhone hanno creato e creano le loro applicazioni da vendere o rendere pubbliche gratuitamente tramite l’Apple Store. È l’epoca del mobile in cui la tecnologia e le sue novità sono distribuite in tempo reale e a chiunque abbia uno smartphone o un tablet.

Ogni sviluppatore di App mira a finire in “Primo piano” fra le “App della settimana”, fra le “nuove e degne di nota”, quelle “scelte dalla redazione”[1], perché è consapevole che rientrare in una di quelle liste vedrebbe salire il suo profitto e la sua notorietà. È quindi importante sviluppare un piano di marketing, veicolare il proprio messaggio, trasformare gli utenti in acquirenti.

Studiare una strategia di marketing e di vendita per le proprie App non è semplice e come tutte le strategie va pianificata.

La maggior parte dei successi immediati, con vendite importanti e significative, si ha nei giochi. L’utente, che conosce già il gioco per PC, comprerà facilmente anche l’App per l’iPhone o l’iPad. Il prezzo è modico, magari compreso nella fascia € 0,79-1,59, ma spesso costringerà l’utilizzatore ad acquistare livelli successivi, se non addirittura componenti dello stesso gioco per proseguire. Esempi: “World Series Poker Hold’em” o “New Puzzle Bobble”; nel primo caso si ha un budget iniziale gratuito, ma per accedere al livello successivo “High stakes” si devono comprare delle fiches; nel secondo caso i personaggi partono da una postazione e per accedere ai livelli superiori si devono acquistare dei pacchetti.

Il gioco deve essere semplice e veloce, poche regole e molto divertimento, magari una bella grafica da supporto resa sensazionale dal sistema retina. Il colpo di fortuna finale sarebbe poi essere citati dalla stampa o da un media, da qui inizierebbe un bel passaparola. Guadagnare molto in poco tempo ed essere veloci a piazzarsi sul mercato, anche con le novità, richiede come primo punto un prezzo basso sin dal lancio, e come secondo, un team di sviluppatori che si muova velocemente: il tempo è tutto!

C’è poi chi punta a sviluppare un’App che non sia così coinvolgente ed esplosiva, ma che sappia guadagnarsi un po’ di fama, anche con una sola presenza fra le “consigliate dallo staff” o in quelle “degne di nota”. Il flusso di guadagno è costante, non importante come nel caso dell’App citate prima, e la creazione non richiede grandi investimenti. I guadagni sono più lenti ma prevedibili e i clienti sono fidelizzati dagli add-on, gli sviluppatori devono quindi essere impegnati in continui update per rispondere ai feedback dei clienti. Qui la visibilità, per esempio fra le prime 100 App, è importantissima onde evitare un drastico calo dei guadagni.

Infine ci sono App che non spiccano mai il volo e che nonostante siano ben costruite, programmate e realizzate non trovano la loro collocazione nel mercato.

Quindi le prime caratteristiche di un’App di successo sono avere un mercato, essere ben scritta e deve avere un’icona intuitiva ed una descrizione chiara.