Crea sito

Cerca

image2 image3 image1

Analisi dell’App “AroundMe”

 

Si è scelto in questa sede di analizzare l’App “AroundMe”, realizzata da “Attorno a me s.r.l.”

È possibile scaricare questa App dall’Apple Store sia per iPhone che per iPad. Concepita e realizzata per iOs, ar1Android e Windows Mobile.

Dal 21 novembre è disponibile la versione 6.0.6. La categoria nell’Apple Store è “Moda e Tendenze”, ha una valutazione nell’Apple Store 4+ su 20.273 votanti, in Google Play di 3,8 su 3.762 votanti[1].

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ar2  ar3

Lingue disponibili: Italiano, Cinese, Inglese, Francese, Tedesco, Giapponese, Coreano, Portoghese, Russo, Spagnolo[2].

L’App viene ben presentata sul sito ufficiale:

http://www.aroundmeapp.com/.

Una semplice e schematica descrizione è presente anche su Wikipedia:

http://en.wikipedia.org/wiki/AroundMe.

Fornisce informazioni agli utilizzatori in merito ai vari punti di interesse, come: guide locali, alberghi, banche, bar, caffè, cinema, farmacie, film, meteo, ospedali, parcheggi, pub, ristoranti, stazioni di servizio, supermercati, taxi, teatri, ecc.

ar4ar5ar6

Al momento dell’installazione, oltre alla richiesta  di poter utilizzare la propria posizione

ar7
 
chiede il consenso per raccogliere informazioni a fini statistici
 
ar8
 
È stata forse la prima applicazione ad utilizzare le API e Google Map. Lanciata a settembre 2008, consente di trovare i punti di interesse grazie alla rilevazione della propria posizione tramite GPS. Per funzionare sfrutta il database Geonames[3] e si collega alle mappe.
L’App è gratuita ma è possibile acquistare la versione senza pubblicità a € 2,69 che supporta anche lo sviluppo futuro.
 
ar9 
 
Come spesso accade, dopo un breve utilizzo, compare una notifica che chiede di valutare l’App (vedi figura).

Cliccando su “non ora” si procede con l’utilizzo effettivo.

ar10

Primo test: ricerca Cinema a L’Aquila.
La lista propone il “Massimo” a 1,23 km situato in corso Federico II la cui programmazione non è disponibile. In realtà il cinema è inagibile dall’aprile 2009. Presenti numero di telefono e link al sito http://www.cinemamassimo.it ove viene segnalato che la programmazione riprenderà prossimamente.
 
I risultati successivi non cancellano l’amaro dalla bocca, si tratta di tutte strutture non agibili la cui programmazione è, ovviamente, non disponibile. Si deve arrivare al quarto cinema segnalato per avere un’informazione che sia valida. 
Cliccando sul nome “Moviplex”, si accede alla lista dei film in programmazione; il confronto col sito ufficiale[4] conferma quanto si legge.
 
ar11   ar12
 
Utilissima la mappa e gli orari a disposizione. 
 
ar13

Tutta la sezione “Qui vicino” è collegata con Wikipedia ed è possibile entrare nelle singole voci e leggere le informazioni relative al luogo scelto.

Gravi problemi se si cerca una farmacia. La città dell’Aquila ha subito un profondo cambiamento della morfologia del territorio: sono elencate Farmacie che non esistono da ben tre anni e mezzo e, forse cosa ancora più grave, i vecchi numeri di telefono. Pertanto, in caso di urgenza, si dovrebbe procedere per tentativi… o utilizzare un’altra App.

Anche il database delle banche mostra diverse imprecisioni, magari la posizione è esatta ma l’istituto di credito è cambiato.

Altro settore, supermercati, risulta obsoleto e non aggiornato.

L’idea dietro e dentro l’App è sicuramente validissima. I dati dichiarati: 6 milioni di utilizzatori e 25 mila ricerche mensili in 200 nazioni. Da quando gli sviluppatori sono approdati negli Stati Uniti, si sono concentrati particolarmente sugli aggiornamenti locali con un accordo stipulato con  “Localize” per il business americano[5].

Recentemente sono state effettuate integrazioni con il portale Booking.com (prenotazioni di hotel), Opentable.com (prenotazioni ristoranti) e Foursquare.

È probabile che ci siano aree meglio coperte o che torni utile qualora ci si trovi in una città del tutto sconosciuta. Sarebbe opportuno procedere con test in altri luoghi. L’impressione che si ha a L’Aquila non è soddisfacente né lo è a Palma de Maiorca dove è stato richiesto contestualmente a questo test di procedere nell’analisi dell’App.